6 Lug 2017
car2go Insights

Nuovi processi di progettazione a car2go

Noi di car2go siamo sempre interessati alla vostra opinione, per questo ultimamente sono nate nuove iniziative in azienda volte a coinvolgere maggiormente i nostri iscritti sulla creazione di nuove caratteristiche dell’app e del sito internet.

I test di usability con i nostri utenti hanno sempre fatto parte dei nostri processi di progettazione e sviluppo: servono principalmente per capire meglio come gli utenti utilizzino il servizio, ma anche come punto di partenza per l’identificazione e la risoluzione di eventuali problemi. Ad esempio, quando si utilizza l’app, o in occasione del primo noleggio.

Inoltre recentemente il nostro team ha sperimentato nuove modalità per coinvolgere i clienti, anche nelle fasi iniziali di progettazione.

Progettazione fin dalla ricerca di base

Quando si tratta di progettare una nuova funzionalità, il nostro team parte dalla definizione degli obiettivi da raggiungere.

In base agli obiettivi, si utilizzano le analisi e i dati provenienti dagli utenti – così come le ricerche di mercato – per definire un quadro d’insieme sul comportamento dei clienti e sulle “best practice” di mercato.

Partendo da questa analisi iniziale, il nostro team definisce una serie di domande critiche le cui risposte serviranno a progettare nuove funzionalità.

Un esempio? Car2go ha recentemente svolto un sondaggio sulle pagine social, per scoprire quali fossero i contenuti ritenuti più importanti dall’utenza, sulle informazioni da visualizzare nell’app una volta selezionata un’auto. Quasi 400 clienti da tutto il mondo hanno preso parte a questa ricerca!

Le informazioni raccolte sono state davvero molto utili: nel corso dei prossimi mesi potrete vedere i primi risultati di questa ricerca sull’app car2go.

L’utilizzo del metodo Design Sprint e il “guerrilla testing”

L’utilizzo della metodologia Design Sprint è un altro esempio di come car2go stia cercando sempre di più la partecipazione dei suoi clienti: dopo la ricerca di base, il passaggio successivo è infatti il processo di progettazione vero e proprio.

Con l’espressione Design Sprint, recentemente introdotta dal nostro team, si intende la capacità di progettare una nuova funzionalità in solamente cinque giorni, inclusa la costruzione di un prototipo interattivo, convalidato da utenti reali.

La metodologia utilizzata è stata sviluppata da Google Ventures e costituisce una modalità di collaborazione davvero efficiente, promuovendo l’esplorazione di diverse idee progettuali attraverso brevi prove, di cui solo le migliori vengono convalidate.

Il nostro team ha appena completato un ciclo di Design Sprint nelle sedi di Stoccarda e Amburgo: in cinque giorni è stato definito il prototipo interattivo di una nuova funzionalità, successivamente testata dai colleghi della Daimler e per le strade di Amburgo.

Questa tipologia di collaudo con l’utente nelle prime fasi di progetto viene definita “guerrilla testing”, proprio perché ha luogo nelle strade, ad esempio in zone di maggiore utilizzo di car2go, in cui viene richiesto ai clienti un feedback specifico su un nuovo progetto.

L’idea è di avere una versione di base della funzionalità su cui si sta lavorando, con alcune semplici interazioni che permettano alle persone di poterla già utilizzare.

I risultati ottenuti da questo tipo di ricerca sono davvero preziosi: dopo aver raccolto i feedback delle persone intervistate, il passo successivo è stato quello di finalizzare la progettazione e prepararne lo sviluppo.

Il sondaggio tra gli utenti, la metodologia Design Sprint e soprattutto il collaudo nelle prime fasi di progetto, ci hanno aiutato a capire di più su come i nostri clienti utilizzino una nuova funzionalità, contribuendo così a dar valore a nuove idee.

 

Cosa ne pensi sul coinvolgimento dei nostri clienti all’interno dei processi di sviluppo dei nostri prodotti? Hai mai partecipato a una ricerca di car2go o di un’altra azienda? Raccontaci la tua esperienza!